Banner Top
Log in

Articoli

Circolari percentuale

Funzionario UNEP licenziato senza preavviso – Spettanza dell’emolumento-percentuale ex art. 122 n. 2 D.P.R. 1229/59 nel periodo di sospensione obbligatoria dal servizio

AL PRESIDENTE DELLA CORTE DI APPELLO DI [omissis]
E, p.c.
ALL’ISPETTORATO GENERALE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
[omissis]
Prot. VI-DOG/517/03-1/2014/CA
Oggetto : Ufficio NEP di [omissis] – Funzionario UNEP licenziato senza preavviso – Spettanza dell’emolumento-percentuale ex art. 122 n. 2 D.P.R. 1229/59 nel periodo di sospensione obbligatoria dal servizio ex art. 4, comma 1, Legge 27 marzo 2001 n. 97 – Risposta a quesito.
Con riferimento al quesito in oggetto indicato, il dirigente dell’Ufficio NEP presso codesta Corte di Appello chiede “indicazioni in ordine alla liquidazione all’interessato del 50% dell’<emolumento-percentuale> accantonato sul libretto bancario con la contestuale ripartizione del rimanente 50% al personale in servizio nel periodo di riferimento.”
Riguardo all’emolumento in questione, si rileva che l’Accordo (All. 1) sottoscritto con le Organizzazioni Sindacali del personale UNEP in data 22 maggio 2009 ha precisato al punto 2) che l’“emolumento-percentuale” segue la sorte della retribuzione principale, rientrando tra le ipotesi di decurtazione della stessa “legate al procedimento disciplinare nel quale il dipendente sia incorso, che comportano l’accantonamento dell’emolumento fino all’esito del procedimento”.
Ne consegue che l’importo dell’indennità – pari al 50% della retribuzione indicata dall’art. 25 comma 2 primo alinea del CCNL del 16 maggio 2001, oltre agli assegni familiari e alla retribuzione individuale di anzianità – spettante ad un dipendente UNEP durante il periodo di sospensione obbligatoria dal servizio, debba inglobare anche il 50% dell’“emolumento-percentuale” di cui all’art. 122 n. 2 D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229, con contestuale accantonamento del restante 50% fino all’esito del procedimento disciplinare riguardante il dipendente.
In caso di cessazione del rapporto di lavoro del dipendente sospeso, per licenziamento, il 50% dell’“emolumento-percentuale” accantonato va ripartito tra il restante personale dell’Ufficio NEP avente diritto nel periodo di riferimento.
Si prega di portare a conoscenza del dirigente UNEP in sede il contenuto della presente nota, affinché ne tenga conto nella definizione della posizione amministrativo-contabile del dipendente cessato dal servizio.
Roma, 29 maggio 2014
IL DIRETTORE GENERALE

Chiarimenti sulla determinazione del personale UNEP ai fini della corresponsione della percentuale del III e IV Bim.2013

AI PRESIDENTI DELLE CORTI DI APPELLO LORO SEDI

E, p.c. ALL'ISPETTORATO GENERALE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ROMA

prot.VI-DOG/845/035/20I3/CA Roma, 14 ottobre 2013

OGGETTO: Circolare riguardante il personale UNEP (Funzionari e Ufficiali giudiziari) Suddivisione su base nazionale ex art. 6 CCNL 24 aprile 2002 (“Norme di raccordo per gli Ufficiali giudiziari”) dell’emolumento-percentuale sui crediti recuperati dall'erario di cui all'art. 122 n. 2 D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229 - Modalità di pagamento in favore del personale UN EP, con riferimento al 3° ed al 4° bimestre 2013.

 

Facendo seguito alla nota prot. m_dg.DOG.25/09/20l3.0096957.U, si rileva che per esigenze di economia procedurale, il pagamento del]‘emolumento-percentuale di cui a11’art. 122 n. 2 del D.P.R. i5 dicembre 1959 n. 1229, relativo al 3° e 4° bimestre 2013, avverrà tenendo conto delle unità di personale presenti negli Uffici NEP esistenti ante riforma di cui al D.Lgs. n. l55l2012, esonerandosi per i suddetti bimestri dalla trasmissione del numero delle unità di personale, già in possesso di questa Direzione Generale.

IL DIRETTORE GENERALE

Suddivisione su base nazionale ex art. 6 CCNL 24 aprile 2002 dell’emolumento percentuale sui crediti recuperati dall’erario di cui all’art. 122 n. 2 D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229

Ai Presidenti delle Corti di appello
LORO SEDI
E, p.c. All’Ispettorato Generale del Ministero della Giustizia
ROMA
Prot. m_dg.DOG.25/09/2013.0096957.U
Oggetto: Circolare riguardante il personale UNEP (Funzionari e Ufficiali giudiziari) – Suddivisione su base nazionale ex art. 6 CCNL 24 aprile 2002 (“Norme di raccordo per gli Ufficiali giudiziari”) dell’emolumento-percentuale sui crediti recuperati dall’erario di cui all’art. 122 n. 2 D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229 – Richiesta del numero delle unità di personale, distinte per Area professionale e fascia retributiva, con riferimento distinto per il 3° ed il 4° bimestre 2013, considerando l’attuale collocamento negli Uffici NEP post riforma di cui al D. Lgs. n. 155/2012 ed a seguito degli interpelli nazionale e distrettuale.
Con riferimento all’oggetto, si rileva che è necessità di questa Direzione Generale l’acquisizione dei dati in merito al numero delle unità di personale UNEP (Funzionari e Ufficiali giudiziari) in servizio nell’ambito di ciascun distretto, al fine di erogare le quote pro capite spettanti al suddetto personale per l’emolumento-percentuale di cui all’art. 122 n. 2 del D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229, sulla base degli indici di ponderazione previsti dall’art. 6 del CCNL 24 aprile 2002.
A tal proposito, per la fornitura dei dati richiesti deve essere utilizzato l’allegato prospetto riepilogativo in formato excel, nel quale indicare il numero delle unità di personale UNEP in servizio nei singoli Uffici NEP del distretto nel 3° e nel 4° bimestre del corrente anno, distinguendoli per Aree professionali e fasce retributive, tenendo conto del personale assegnato a seguito della soppressione degli Uffici NEP interessati, nonché di quello trasferito con gli interpelli nazionale e distrettuale.
Al fine della massima chiarezza in merito a quanto richiesto, a titolo esemplificativo si può citare il caso dell’Ufficio NEP di Lagonegro – appartenente al distretto di Potenza – , caso in cui l’indicazione del numero delle unità di personale deve tener conto di quelle presenti alla data del 14 settembre 2013, che comprendono quelle già presenti in tale sede ante riforma, quelle pervenute dai soppressi Uffici NEP di Sala Consilina e della Sezione distaccata di Sapri – appartenenti ante riforma al distretto di Salerno – , nonché quelle eventualmente pervenute in data 13 settembre 2013 a seguito degli interpelli nazionale e distrettuale.
Per quanto concerne il personale UNEP distaccato o applicato ad altro Ufficio, si dovrà continuare a conteggiarlo nell’Ufficio NEP che provvede a liquidare le competenze stipendiali principali.
Relativamente ai dipendenti UNEP in servizio negli Uffici NEP soppressi che entro il 13 settembre 2013 sono stati collocati a riposo o cessati dal rapporto di lavoro a qualsiasi titolo, il pagamento dell’emolumento-percentuale deve essere effettuato dagli Uffici NEP presso i quali sarebbero stati assegnati in caso di prosecuzione del rapporto di lavoro.
La fornitura dei suddetti dati, che dovrà pervenire entro il 14 ottobre 2013 all’indirizzo di posta elettronica dell’Ufficio VI della Direzione Generale del Personale e della Formazione – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. –, è fondamentale per la messa in atto dei relativi provvedimenti di pagamento dell’emolumento-percentuale in favore del personale UNEP nell’ambito degli Uffici NEP che si sono configurati con la nuova geografia giudiziaria entrata in vigore il 14 settembre 2013.
Per quanto riguarda i dati dei bimestri successivi al quarto del corrente anno, i predetti dovranno essere inviati allo stesso indirizzo di posta elettronica sopra indicato entro l’ultimo giorno di ogni singolo bimestre, al fine di consentire in maniera tempestiva il pagamento delle quote di “emolumento-percentuale” in favore del personale UNEP, con provvedimenti diretti ai singoli distretti di Corte di Appello di appartenenza.
Si evidenzia, infine, che la fornitura dei dati richiesti dovrà avvenire esclusivamente da parte delle Corti d’Appello e non dei singoli Uffici NEP, al fine di garantire l’esatto numero delle quote di “emolumento-percentuale” da assegnare ai rispettivi distretti, che a loro volta provvederanno all’assegnazione delle stesse ai Dirigenti UNEP.
Roma, 25 settembre 2013
IL DIRETTORE GENERALE

emolumento percentuale - spetta anche a chi svolge dottorato di ricerca

Al Presidente del Tribunale di VELLETRI
Al Presidente della Corte d'appello di ROMA
E, p.c. all'Ispettorato Generale del Ministero della giustizia

OGGETTO: Ufficio NEP di Velletri - Spettanza dell’emolumento-percentuale di cui all’art. 122 n. 2 D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229 (“Ordinamento degli Ufficiali Giudiziari”) a funzionario UNEP in congedo straordinario per dottorato di ricerca senza borsa di studio – Risposta a quesito.
È pervenuto a questa Direzione Generale, da un funzionario UNEP in servizio nell’Ufficio NEP in sede, apposito quesito con riferimento alla materia indicata in oggetto, in merito al quale si espone quanto segue.
Il quesito formulato fa riferimento al caso di un pubblico dipendente ammesso ad un corso di dottorato di ricerca senza borsa di studio, o di rinuncia a questa, così come previsto dall'art. 2 della Legge 13 agosto 1984 n. 476, per il quale è garantito il mantenimento del trattamento economico, previdenziale e di quiescenza in godimento da parte dell'amministrazione pubblica presso la quale è instaurato il rapporto di lavoro.
Nell’ipotesi del funzionario UNEP, in congedo straordinario per la fattispecie sopra esposta, il trattamento economico principale include, tra le voci retributive contrattualmente previste dall’art. 2 del C.C.N.L. 24 aprile 2002 (“Norme di raccordo per gli Ufficiali giudiziari”), anche l'emolumento-percentuale di cui all’art. 122 n. 2 del D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229 (“Ordinamento degli Ufficiali giudiziari”).
Si prega di portare a conoscenza del Dirigente dell’Ufficio NEP in sede il contenuto della presente nota, affinché ne tenga conto nel pagamento dell’emolumento in questione al funzionario UNEP interessato.
Si porgono distinti saluti.
IL DIRETTORE GENERALE

Percentuale - assenza per malattia

NOTA MINISTERO GIUSTIZIA - Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi - Direzione Generale del Bilancio e della Contabilità, Pos. Arch. VI-DOG/1110/03-1/2009/CA del 13 luglio 2009, diretta al Presidente della Corte di Appello di Trieste e, per conoscenza, all’Ispettora to Generale del Ministero della Giustizia.

Con riferimento al quesito in oggetto indicato, formulato dall’Ufficio NEP di Pordenone e pervenuto per competenza dall’Ufficio VI della Direzione Generale del Personale e della Formazione, si espone quanto segue.

Con il citato quesito viene chiesto se è possibile accogliere la richiesta di un ufficiale giudiziario riguardante l’assegnazione pro quota dell’emolumento percentuale per il periodo che va dal 15 novembre 2008 al 15 aprile 2009, nel quale il dipendente è stato assente dal servizio per malattia.

Il CCNL 24 aprile 2002, riguardante le norme di raccordo per gli ufficiali giudiziari, all’art. 6 ha previsto che ai fini della liquidazione, agli ufficiali giudiziari, della percentuale sui crediti recuperati dall’Erario si deve tener conto, tra l’altro, della «presenza  in servizio».

In sede di applicazione della predetta norma contrattuale, quest’Amministrazione ha lasciato inalterata l’originaria ratio della liquidazione dell’emolumento in questione, aggiornando i criteri di distribuzione al personale già individuati dall’art. 140 del D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229 («Ordinamento degli Ufficiali Giudiziari»). Infatti, con il citato art. 6, ai fini della corresponsione di tale specifica voce retributiva, oltre al criterio della presenza in servizio, è stata definita una graduazione del compenso parametrata agli stipendi delle corrispondenti posizioni economiche.

Per quanto concerne il criterio della presenza in servizio, per chiarire il quadro operativo di liquidazione, quest’Amministrazione, all’indomani dell’entrata in vigore delle c.d. norme di raccordo per gli ufficiali giudiziari, emanò apposita circolare prot. n. 6/555/035/CA-MR del 26 marzo 2003, a cura della Direzione Generale del Personale e della Formazione - Ufficio VI, nella quale era prevista la mancata corresponsione dell’emolumento-percentuale nei casi di assenza del dipendente dal servizio per malattia. Tale criterio è stato osservato per l’intero periodo che va dal 2° bimestre 2002 al 2° bimestre 2009, per cui si tratta di situazioni giuridiche regolate e definite a livello nazionale per quanto riguarda il rapporto giuridico-economico dei dipendenti interessati, che non possono essere rimesse in discussione, tenuto conto che, con la mancata opposizione al piano di liquidazione degli emolumenti in questione nei termini previsti dall’Ordinamento degli Ufficiali Giudiziari, la corresponsione degli emolumenti s’intende accettata nei termini in cui è stata definita dal Dirigente dell’Ufficio NEP.

Con l’Accordo del 22 maggio 2009, invece, il Ministero della Giustizia e le Organizzazioni Sindacali di categoria hanno concordato nella materia retributiva in questione il superamento dell’orientamento di cui alla menzionata circolare del 26 marzo 2003, per cui la liquidazione dell’emolumento-percentuale con decorrenza dal 3° bimestre 2009 segue criteri innovativi rispetto al periodo precedente, sul quale non possono intervenire modifiche in ossequio al consolidato principio della certezza dei rapporti giuridici pregressi.

Si prega la S.V. di voler portare a conoscenza dell’Ufficio NEP di Pordenone il contenuto della presente nota, affinché il Dirigente UNEP ne tenga conto nella regolazione della materia in relazione alla richiesta di un ufficiale giudiziario ivi addetto, come sopra descritta.

Si porgono distinti saluti.

29°C

New York

Mostly Cloudy

Humidity: 65%

Wind: km/h

  • 23 Jul 2014 31°C 22°C
  • 24 Jul 2014 28°C 18°C
Banner 468 x 60 px